Mese: marzo 2018

Twitter e Trump

A volte i suoi tweet risultano razzisti, folli, provocatori e di cattivo gusto.
Chiunque di noi scrivesse contenuti del genere, probabilmente Twitter lo bloccherebbe all’istante.
Ma non a Donald Trump.
L’attuale Presidente degli Stati Uniti ha scritto più di 35000 tweet e fra questi sicuramente ce ne sono stati tanti caratterizzati da…diciamo….”toni un po’ accesi”.
L’azienda ha risposta ai tanti messaggi degli utenti che chiedevano il blocco dell’account come accadrebbe a qualsiasi comune mortale e Twitter ha risposto così:
“Twitter è qui per servire e aiutare il progredire della conversazione pubblica globale. I leader mondiali eletti svolgono un ruolo cruciale all’interno di quella conversazione”. Per questo, continua il post ufficiale, “bloccare un leader mondiale da Twitter o rimuoverne i tweet controversi nasconderebbe informazioni importanti che le persone dovrebbero essere in grado di vedere e dibattere”.
E tu cosa ne pensi?
Scrivete nei commenti i vostri pensieri.

Visita il profilo di Donald Trump